Luci della ribalta

Lo spettacolo e la comunicazione sviscerati da Marco Bonardelli (ATTENZIONE "Luci della ribalta" non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001)

Archivi Mensili: aprile 2012

“Titanic – Nascita di una leggenda”, stasera su Raiuno

Parte stasera su Raiuno la fiction “Il Titanic”, con la quale la nostra televisione ricorda i cento anni dalla tragedia del 1912. Una co-produzione internazionale in dodici episodi che saranno proposti nell’arco di sei serate, fortemente voluta da Fabrizio Del Noce e realizzata da Rai Fiction conla DAP Italydi Guido e Maurizio De Angelis, la spagnola Antena 3, l’irlandese Epos Film e la francese Marathon. La serie si distingue tanto dal film cult di James Cameron, quanto da altre iniziative analoghe dedicate alla nave storica.

Il regista irlandese Ciaran Donnelly (già dietro la macchina da presa con “I Tudors”), ci porterà nella Belfast del 1907, raccontando le diverse fasi della costruzione del mitico transatlantico e le vicende umane e professionali di coloro che contribuirono all’impresa, calate però in una dura realtà che in parte smentisce il mito della “nave dei sogni” entrato nell’immaginario di tutti.

Non vedremo gli occhi azzurri di Leonardo Di Caprio, né  il fascino anglosassone di Kate Winslet, ma senza dubbio l’avvenenza del canadese Kevin Regers (già noto in “Gossip Girl”), e la bellezza semplice della nostra Alessandra Mastronardi, principali protagonisti del racconto, non saranno da meno. Lui è Mark Muir, ingegnere metallurgico dotato di grande professionalità e determinazione; lei la sua copista, l’immigrata Sofia Silvestri, femminista convinta e impegnata nelle prime battaglie civili per le pari opportunità. Comela Rosedel film di Cameron, Sofia è una ragazza altera e sicura di sé, che non accetta gli stereotipi sulla donna tipici dell’epoca e lotta per essere protagonista delle proprie scelte. A differenza dell’eroina di Cameron è però una giovane di modesta estrazione sociale che, come la sorella Violetta (Valentina Corti), aspira ad una vita più agiata. Le sue idee la porteranno ad accesi contrasti col padre Pietro, anch’egli coinvolto nella realizzazione del Titanic: un uomo all’antica ma dal grande cuore, interpretato dal nostro Massimo Ghini. Il cast che affianca i protagonisti è di altissimo livello e conta su grandi nomi già noti e amati dal pubblico del piccolo e grande schermo, come l’inglese Derek Jacobi, sommo attore shakespeariano visto ne “Il Gladiatore”; l’americano Chris Noth, ossia l’affascinante Mr.Big di “Sex and the city”, e la canadese Neve Campbell, già protagonista di “The Company” di Robert Altman. A loro si aggiungono l’italiano Edoardo Leo e Kate ‘O Toole, figlia del grande Peter ‘O Toole.

Annunci

Ultimo appuntamento col ciclo “Mai per amore”

Si conclude stasera il ciclo di Raiuno “Mai per amore”, una miniserie in quattro puntate sul tema del perverso rapporto tra amore e violenza. Quattro storie emblematiche per  la scottante attualità dei contenuti, centrate sui diversi volti che assume la violenza sulle donne. Prodotta da Rai Fiction conla Ciao Ragazzidi Claudia Mori, la serie ha visto alternarsi alla regia, nell’arco degli scorsi martedì, firme autorevoli come Liliana Cavani, Margarethe Von Trotta e Marco Pontecorvo, di cui l’ultimo capitolo è in onda questa sera.

Durante la prima puntata, trasmessa il 27 marzo,la Cavanicon “Troppo amore” ha narrato una storia di stalking realmente accaduta, attraverso la vicenda di Livia, ragazza semplice e dignitosa, innamorata del giovane e ricco docente universitario Umberto, in apparenza affettuoso e protettivo, ma nei fatti violento e possessivo. Il loro sarà un amore tormentato e a tratti tragico per la difficoltà di lui nell’accettare la fine del rapporto. Interpreti principali Antonia Liskova  e Massimo Poggio, entrambi ottimi in due ruoli difficili e completamente diversi da quelli soliti.

Il 3 aprile Pontecorvo con “Ragazze in web” ha messo in scena il delicato tema delle insidie tipiche di certi rapporti on line. Nel film, la timida Silvia (Francesca Inaudi), in contrasto col padre e desiderosa di indipendenza economica, viene convinta dalla scafata coinquilina Claudia (Carolina Crescentini) a guadagnarsi da vivere spogliandosi in webcam per i clienti di un sito internet. Questo gioco si rivelerà fatale per entrambe e porterà nella loro vita una serie di conseguenze impreviste e dolorose.

Margarethe Von Trotta ha dato il suo contributo con “La fuga di Teresa”, andato in onda il 10 aprile scorso.Teresa, interpretata dalla brava Nina Torresi  è un’adolescente caparbia, che lotta per scoprire la verità sulla madre morta suicida (Stefania Rocca). Per realizzare il suo piano si scontrerà col padre (Alessio Boni), un cardiochirurgo scrupoloso sul lavoro, che nel privato non esita a mantenere il suo potere costringendo la moglie e le figlie ad assumere psicofarmaci.. Saranno proprio le reazioni di lui, a seguito di una breve fuga di Teresa da casa, a far luce sulla verità. Tra gli altri interpreti, Ninni Bruschetta, nei panni di un agente di polizia, e la brava Sandra Toffolatti, nel ruolo di una psicologa che collabora alle indagini sul caso.

Pontecorvo chiuderà il ciclo questa sera con “Helena & Glory”, storia di vita e d’amicizia tra due prostitute, cui danno volto Barbara Bobulova ed Esther Ortega. Da sfondo sonoro alle quattro storie la famosa “Mai per amore” di Gianna Nannini, per sottolineare ancora una volta che la violenza non dovrebbe mai avere nulla a che fare con l’amore.