Luci della ribalta

Lo spettacolo e la comunicazione sviscerati da Marco Bonardelli (ATTENZIONE "Luci della ribalta" non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001)

Archivi Mensili: agosto 2014

Renato Mori – Un ricordo

Renato Mori

Oggi, nella Chiesa degli Artisti di Piazza del Popolo, il mondo del doppiaggio darà l’ultimo saluto a una delle sue colonne, Renato Mori, venuto a mancare venerdì scorso. Ho avuto il piacere di scambiarci qualche parola in un’edizione del Romics di qualche anno fa (riprendendolo nel 2008) e, più fugacemente, ai Capital Voice Awards organizzati da Alberto Bonvicini e Radio Capital, nel 2011, all’Italia in Miniatura di Rimini.

Mori, uomo di grande affabilità e signorilità, si era ritirato da qualche tempo da quel mondo al quale aveva dato tanto, doppiando Morgan Freeman da “Johnny il bello” a “Il Cavaliere Oscuro”, passando per “Seven”, “Il collezionista, “Nella morsa del ragno”, ma non solo. Nella sua carriera aveva prestato la sua inconfondibile voce al boss de “La stangata” Robert Shaw, allo sceriffo di “Rambo” Brian Dennhey e ad altri attori del calibro di Ned Beatty in “Tutti gli uomini del Presidente” , Gene Hackman in “Reds”, James Earl Jones in “Caccia a ottobre rosso” e “Giochi di potere”, Bill Cobbs n “Guardia del corpo” e Jack Warden ne “Il presidio, scena di un crimine”. E’ stato anche R.K Maroon, il proprietario degli studi di animazione di “Chi ha incastrato Roger Rabbit” interpretato da Alan Tilverin. Negli ultimi anni era stato amato dagli appassionati del fanrtasy per il doppiaggio del nano Gimli (John Rhys-Davies) ne “Il Signore degli Anelli”. In tv, dove aveva recitato per Damiano Damiani ne “La Piovra” (il regista lo diresse anche in “Pizza Connection”), era il volto del generale Bini di “Incantesimo” e la voce di Pierre Mondy, il Commissario Cordier dell’omonimo telefilm francese.

Con lui se ne va non soltanto un  attore dal talento e dalla versatilità inestimabili, ma un membro della generazione delle Di Meo, delle Febbi, dei Michele Gammino, dei Renato Cortesi e dei Michele Kalamera; personalità che hanno contribuito, assieme ad altri attori, a reinventare la grammatica del doppiaggio, portandolo verso lo stile su cui si basa la recitazione al leggio oggi.

E a proposito di versatilità… Come ogni attore di grande personalità, Mori era stato capace di dare emozioni anche ai più piccoli, con i doppiaggi di Willie Burp in “Fievel conquiesta il west” e Cornelius in “C’era una volta nella Foresta”, dove aveva proposto in italiano le interpretazioni originali di James Stewart e Michael Crawford.

 

 

Annunci

Intervista a Marta Ricci dei Senzaterra sulla “Gazzetta del Sud” di oggi

I Senzaterra in concerto

Anche oggi sono presente sulla “Gazzetta del Sud”, nella pagina “Cultura e spettacoli in Sicilia”, con un’intervista a Marta Ricci, cantante del gruppo folk Senzaterra, in concerto dopodomani alla Fiera di Messina (ex Irrera a Mare).

Articolo sulla scomparsa di Renato Mori sulla “Gazzetta del Sud” di oggi

 

 

 

Sulla “Gazzetta del Sud” di oggi, nella seconda pagina di “Cultura e spettacoli”, trovate un mio breve articolo sulla scomparsa del grande Renato Mori, avvenuta ieri a Roma. I funerali si terranno lunedì mattina,alle ore 10, presso la Chiesa degli Artisti in Piazza del Popolo.

Nei prossimi giorni un altro tributo a Mori, colonna del doppiaggio,su questo blog.

 

Intervista ad Auretta Sterrantino su “Asini” sulla “Gazzetta del Sud” di oggi

Auretta Sterrantino e Vincenzo Quadarella 2

Sulla “Gazzetta del Sud” di oggi, nella pagina “Cultura e spettacoli in Sicilia”, trovate la mia intervista ad Auretta Sterrantino, direttrice artistica dello spettacolo “Asini” di Vincenzo Quadarella, sguardo inedito sui grandi personaggi del Novecento che sarà rappresentato domani sera, con doppio spettacolo, al Castello di MIlazzo (Piazzale antistante il Monsatero dei Benedettini).

 Il pdf sarà online sul blog prossimamente.

Gigi Proietti parla del doppiaggio di Robin Williams in “Aladdin”

 

A pochi giorni dalla scomparsa di Robin Williams, vi proponiamo una perla dal canale YouTube di Messer Cappellaio,: Gigi Proietti parla del grande attore americano e del suo doppiaggio di Aladdin, da lui rifatto nella versione italiana del film.

Un discorso interessante e per niente retorico tratto dalla versione italiana, realizzata da Raiuno quais vent’anni fa, di un noto special sulla musica dei film Disney, dove Proietti interviene dalla sala dove sta ridoppiando il Genio ne Il ritorno di Jafar, sequel di Aladdin e primo lungometraggio del grande studio hollywoodiano realizzato direttamente per l’home video.

L’ultima intervista di “Luci della ribalta” a Simone Riccioni

Finalmente anche sul blog l’ultimo appuntamento di Luci della ribalta con Simone Riccioni, il protagonista degli spot Novi e del film di Moccia Universitari – Molto più che amici, talento emergente della stagione cinematografica 2013/14.

Nell’intervista Simone racconta queste e altre esperienze nel mondo dello spettacolo, tra cui la docu-fiction Michelangelo con Rutger Hauer.

Luci della ribalta e Luci della ribalta Graffiti torneranno prossimamente su Deliradio, all’interno di 2 ore con Luxor, e con tanti nuovi, grandi ospiti.

Interviste a Carlo Valli (in ricordo di Robin Williams) e Giovanna D’Angi sulla “Gazzetta del Sud” di ieri

              

Ieri sono stato doppiamente presente sulla “Gazzetta del Sud”, nelle pagine di “Cultura e spettacoli”, con le interviste a Carlo Valli (in ricordo di Robin Williams) e Giovanna D’Angi, vincitrice del Cavaluccio Marino al Festival del Film per Ragazzi di Giardini Naxos (nostra risposta al Giffoni) per la sua interpretazione in “Ragazze a mano armata”, il film di Fabio Segatori interamente ambientato e girato nella mia città (Messina) e presentato all’ultimo Taormina Film Fest.

I pdf saranno online su questo blog prossimamente.

Buon Ferragosto.

Robin Williams – Il nostro ricordo

La morte di Robin Williams non è solo un grave lutto (prima umano che artistico) che si aggiunge all’altrettanto tragica scomparsa di Philip Seymour-Hoffman di qualche mese fa, ma un colpo terribile per tutta una generazione dei grandi attori della Hollywood contemporanea. Williams era uno di loro e, nel corso della sua carriera, ha dimostrato un talento e una versatilità straordinarie, qualità coltivate con lo studio del vero attore (aveva lasciato Scienze politiche, dov’era nata la sua passione per il teatro. per una scuola d’arte drammatica) e sfruttate da registi illuminati che in lui non hanno visto solo l’interprete brillante di Mork & Mindy ma anche l’attore capace di toccare tutte le corde emotive, da quelle positive del Prof.Keating de L’attimo fuggente e di Patch Adams a quelle negative, disturbanti di Insomnia e One hour photo, usciti in Italia nello stesso periodo (stagione cinematografica 2002-03).

A noi piace ricordarlo non soltanto per questi film ma anche per i suoi ruoli che hanno sicuramente toccato le corde di un pubblico familiare, composto da grandi e piccini: il Peter Pan adulto che deve ricordare la sua vita da bimbo sperduto in Hook, il protagonista di Jumanji e il doppiatore disoccupato di Mrs.Doubtfire, dove ha unito il brillante al serio alternando i sentimenti di un padre che non vuole stare lontano dai propri figli alla verve dell’interprete che si finge una colf di mezza età, sbrigando le faccende domestiche sulle note di Dude looks like a lady degli Aerosmith. Questi personaggi dimostrano come un attore, quando è grande, possa arrivare a tutti, dal bambino sognatore all’adulto alla ricerca di storie serie.

Senza dimenticare due perle della sua carriera firmate Disney: il Braccio di Ferro di Altman e il doppiaggio del Genio della lampada di Aladdin. Esperienza, quella del doppiaggio, che ha poi ripetuto per la Fox in Robots.

E a proposito di doppiaggio non si può non ricordare lo splendido lavoro fatto da Carlo Valli e Marco Mete, sue voci in tutti i film, salvo gli esordi di Mork & Mindy (voci di Sandro Pellegrini e Oreste Lionello) e Braccio di Ferro (voce di Massimo Lopez) e  alcune parentesi come Aladdin, col genio doppiato da Gigi Proietti, ed Eliminate Smoochy, dove Williams era doppiato da Ugo Pagliai.

Intervista a Manlio Dovì sulla “Gazzetta del Sud” di oggi

Sulla “Gazzetta del Sud” di oggi, nella cronaca cittadina, trovate la mia intervista a Manlio Dovì, che staserà proporrà alla Fiera di Messina (ex Irrera a Mare”) il suo ultimo spettacolo “Dovì Da Qui Dalì”.

Ringrazio l’Endas per avermi aiutato nella realizzazione di questa intervista mettendomi in contatto con il Sig.Dovì e anticipandogli la mia telefonata.

Il pdf sarà prossimamente online su questo blog.

Intervista a Gabriele Savasta sulla “Gazzetta del Sud” di oggi

Gabriele Savasta Show a Messina

Sulla “Gazzetta del Sud” di oggi, nella pagina “Cultura e spettacoli”, trovate la mia intervista al cabarettista messinese Gabriele Savasta, che domani sera si esibirà all’ex Irrera a Mare (quartiere fieristico) con il “Gabriele Savasta Show”. Savasta è reduce da un anno importante che l’ha visto tra i protagonisti di “Zelig” e nel dicembre scorso ho avuto il piacere di averlo ospite a “Suggestioni dal set 2 – La poliedricità dei talenti”.