Luci della ribalta

Lo spettacolo e la comunicazione sviscerati da Marco Bonardelli (ATTENZIONE "Luci della ribalta" non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001)

Archivi delle etichette: raiuno

FICTION – La nostra Storia in prima serata con “Maltese” e “1993”.

Maltese e 1993

 

La prima serata di oggi sarà all’insegna della fiction di qualità, che riporta momenti significativi della nostra Storia. Alle 21:25 su Raiuno puntata da non perdere di Maltese – Il romanzo del Commissario, la serie Palomar ambientata nella Trapani del 1976, periodo delle azioni antimafia di Boris Giuliano e Ninni Cassarà. La regia è di Gianluca Maria Tavarelli.

Dopo il tragico finale di ieri sera, per Dario Maltese (Kim Rossi Stuart) arriverà il momento di stanare l’organizzazione mafiosa della città e scoprire la verità sulla morte del padre.

Mentre si chiudono le interessanti vicende del commissario di Trapani, debutta in contemporanea su Sky Atlantic HD, alle 21:15, 1993, il secondo capitolo della trilogia ideata da Stefano Accorsi e prodotta da Wildside e Sky Cinema. La nuova stagione seguirà le vicende dei protagonisti dopo il crollo della Prima Repubblica e l’arrivo di nuovi personaggi sulla scena politica nazionale. Oltre ad Accorsi (Leo Notte), tornano dalla serie precedente Miriam Leone (Veronica Castello), Tea Falco (Bibi Mainaghi), Guido Caprino (Pietro Bosco), Domenico Diele (Luca Pastore) e Antonio Gerardi (Antonio Di Pietro). New entry del cast Laura Chiatti (Arianna). Ancora una volta dietro la macchina da presa Giuseppe Gagliardi.

Intervista a Milly Carlucci, dedicata a “Notti sul ghiaccio”, sulla “Gazzetta del Sud” di oggi

 

Sulla Gazzetta del Sud di oggi, in primo piano nella seconda pagina Cultura e Spettacoli, trovate la mia intervista a Milly Carlucci dedicata a Notti sul ghiaccio, in onda questa sera su Raiuno con la semifinale.

Il pdf dell’articolo sarà disponibile su questo blog prossimamente.

Intervista a Marco Camisani Calzolari sulla “Gazzetta del Sud” di oggi

Sulla Gazzetta del Sud di oggi, nella seconda pagina di Cultura e Spettacoli, trovate la mia intervista al Prof.Marco Camisani Calzolari, il Maestro Manzi 2.0 che ogni sabato, a Uno Mattina in Famiglia (Raiuno), cura la rubrica Pronto soccorso digitale, dedicata al mondo dell’informatica e alle curiosità degli spettatori su tutto ciò che riguarda le nuove tecnologie.

Il pdf sarò online prossimamente su questo blog.

Fiction – Intervista esclusiva a Samantha Michela Capitoni, volto della fiction “Una buona stagione” (stasera alle 21:10 su Raiuno) ed ex allieva di Silvio Spaccesi e Jenny Tamburi

 

Luci della ribalta ha il piacere di ospitare una giovane attrice che, da stasera, potremmo ammirare su Raiuno nella fiction Una buona stagione. Stiamo parlando di Samantha Michela Capitoni, pugliese, classe 1981, diplomata all’Accademia d’arte drammatica Silvio D’Amico, con un curriculum fatto di esperienze importanti nel teatro e nella televisione e due film per il cinema (Un’estate al mare e Tutto l’amore del mondo). I più attenti la ricorderanno nei panni di Vanessa, prostituta informatrice di Sergio Assisi ne Il commissario Nardone di Fabrizio Costa, che l’ha diretta anche nel drammatico La vita che corre. Tra le fiction alle quali ha partecipato ricordiamo anche Il commissario Zagara, al fianco di Lino Banfi, e La donna della domenica di Giulio Base. Suoi maestri sono stati Silvio Spaccesi, Jenny Tamburi e Marcello Cirillo (il musicista calabrese noto per il suo lavoro a I fatti vostri), che l’ha anche diretta in una versione teatrale di Grease. Abbiamo raggiunto Samantha per saperne di più sul suo ruolo nella fiction e approfondire alcuni aspetti della sua attività nel mondo dello spettacolo.

Ciao Samantha e benvenuta a Luci della ribalta Da stasera ti vedremo in questa fiction, saga familiare diretta da Gianni Lepre (reduce dal successo di Madre aiutami con Virna Lisi) e con attori del calibro di Ricardo Del Moro, Luisana Lopilato, Ottavia Piccolo, Jean Sorel, Luisa Ranieri, il piccolo Gabriele Caprio… Qual è il tuo personaggio e che ruolo ha all’interno di questa drammatica vicenda?

“Il mio personaggio in una buona stagione e’ quello di Michela Ferrin. Michela e’ nata e cresciuta in un piccolo paese del trentino si è sempre dedicata allo studio mettendo da parte i sentimenti. E’ un’enologa, da sempre migliore amica del protagonista Andrea che si rivolgerà a lei per farsi aiutare quando si troverà ad affrontare una situazione difficile : il sabotaggio del vino appartenente all’azienda di famiglia”

Lepre è un regista con una lunga esperienza teatrale che ha messo al servizio della fiction di qualità. Qual è il suo approccio con gli attori? 

“Gianni lepre e’ un regista stimato, con un carattere burbero che però racchiude tanta professionalità. Lavorare con lui e’ bellissimo. E’ uno dei pochi in grado di mettere a nudo un attore.”

Nel 2012 lui ti ha diretta in Cesare Mori – Il prefetto di ferro. Un ruolo drammatico, di donna siciliana, in un periodo storico difficile per la mia regione…

Il prefetto di ferro e’ stata forse l’esperienza televisiva più interessante. Interpretare una donna che è stata messa così tanto alla prova dalla vita e’ stato emozionante.”

Hai partecipato ad uno stage teatrale diretto da Silvio Spaccesi, grande attore che ha dato tanto anche al mondo del doppiaggio. Questo stage che hai fatto con lui è forse una parentesi poco nota della sua carriera. Che genere di lavoro avete fatto tu e gli altri tuoi compagni di stage attraverso il suo insegnamento?

Silvio Spaccesi e’ stato il mio maestro di vita. Ho appreso da lui i veri trucchi di questo meraviglioso lavoro. Ricordo con tenerezza i pomeriggi trascorsi a casa sua a leggere e interpretare i grandi classici. Tra noi c’è un rapporto molto forte.”

Sapevi della sua attività nel mondo delle voci?

“Ricordo con simpatia il suo e l’ultimo chiuda la porta.”

Invece che ricordo hai di Jenny Tamburi, grandissima professionista non sempre ricordata come meriterebbe?  

Jenny e’ stata una donna straordinaria. Mi insegnato che tutto è possibile se ci metti la giusta passione.”  

Sei stata diretta a teatro da Cirillo in una rappresentazione di Grease. Ricordiamo questa esperienza.

“Grease e’ stata un esperienza unica. Un attore e’ completo se sa cantare e ballare.”

Ringraziandoti per il tempo che ci hai dedicato, ti chiedo se potresti anticiparci qualche  progetto futuro.

“Progetti futuri ? Un film al cinema ma non anticipo nulla x scaramanzia … Non si sa mai. 😉 ”

 

Per l’intervista si ringraziano Katya Marletta e MIA International Media Agency.

Foto tratta dalla pagina Facebook ufficiale di Samatha.

Fiction – “Per amore del mio popolo”, la storia di Don Diana raccontata da Antonio Frazzi e interpretata da Alessandro Preziosi. Stasera e domani su Raiuno.

Rai Fiction e Alessandro Preziosi tornano a parlare di impegno civile a due mesi da Gli Anni Spezzati, e lo fanno con la fiction Per amore del mio popolo, presentata ieri alla Nuova Aula del Palazzo dei Gruppi della Camera dei Deputati.

Diretta da Antonio Frazzi e prodotta da Aurora Film,  la miniserie – in onda stasera e domani su Raiuno alle 21:10 – racconta la storia di Don Giuseppe Diana (interpretato dallo stesso Preziosi), il parroco che strappò i giovani di Casal di Principe alla camorra pagando con la vita. Fu infatti il clan dei Casalesi a farlo tacere per sempre vent’anni fa quasi esatti, il 19 marzo 1994, nella sacrestia della Chiesa di San Nicola di Bari. La sua morte fece scalpore in tutta Italia e anche Giovanni Paolo II espresse cordoglio per l’accaduto.

Nel cast della fiction, che prende il titolo dalla celebre lettera scritta da Diana nel ’91, anche Elena Cucci, Gianluca Di Gennaro, Massimiliano Gallo, Gennaro Mirto e Imma Piro.

Fonte: Wikipedia, IMDB, Daring to do

Fiction – Rimandata “Le due leggi”. “Fuoriclasse”, in onda stasera, raddoppia domani e mercoledì torna “Trilussa – Storia d’amore e di poesia”.

Le due leggi, la fiction in due parti che doveva andare in onda domani e dopodomani su Raiuno, è stata rimandata a data da destinarsi e la conferenza stampa, prevista sempre per domani, annullata all’ultimo momento. Al suo posto martedì e mercoledì andranno in onda, rispettivamente, un altro episodio della seconda stagione di FuoriClasse, la serie con la Litizzetto che riprende questa sera sulla rete ammiraglia, e una versione ridotta di Trilussa – Storia d’amore e di poesia, la fiction sul grande poeta con Michele Placido che proprio un anno fa quasi esatto fu premiata con ottimo ascolti.

Secondo quanto riportato ieri da Laura Rio su Il Giornale, la tv di stato ha preso questa decisione per evitare contenziosi con istituti di credito realmente esistenti e casualmente nominati nella storia. Le due leggi vede infatti Elena Sofia Ricci nei panni di una direttrice di banca che, presa dal rimorso per il suicidio di un imprenditore cui aveva negato un prestito, decide di passare ingenti somme di denaro dei clienti più ricchi a quelli meno abbienti, arrivando perfino ad auto-denunciarsi e a scoprire manovre segrete ancora più losche.

Si deciderà se ottenere un via libera dagli stessi istituti, che potrebbero sentirsi danneggiati, o procedere a un rimontaggio e ridoppiaggio con tanto di tagli delle scene ritenute offensive.

Fonte: Il Giornale

Televisione – La prima tv de “La grande bellezza” su Canale 5 vince una serata di fuoco con quasi 9 milioni di spettatori. Battuti negli ascolti “Il giudice meschino”, “Unici speciale Lucio Dalla” e la discussa puntata di “Ballarò” con Virginia Raffaele-Boschi. Durante l’intervallo del film lo spot Fiat con lo stesso Paolo Sorrentino.

La prima tv de La grande bellezza su Canale 5, a quarantotto ore dalla vittoria agli Oscar, stravince, come da pronostico, la serata di ieri con quasi 9 milioni di spettatori: 10. 279.000 (con uno share del 35,45%) nel primo tempo e 6.936.000 nel secondo (37, 52%). Durante uno degli intervalli pubblicitari del film è stato anche mandato in onda lo spot Fiat con lo stesso Paolo Sorrentino, dove l’azienda si complimenta col regista per questo importante riconoscimento.

Un boom di ascolti annunciato in un prime time che potremmo definire di fuoco, con programmi di forte interesse come la fiction impegnata Il giudice meschino su Raiuno (5.580.000 di spettatori), lo speciale di Unici dedicato a Lucio Dalla nel giorno del suo settantunesimo compleanno (Raidue, 897.000) e la puntata di Ballarò (Raitre, 2.120.000) che ha fatto discutere per l’imitazione del neoministro Boschi da parte di Virginia Raffaele. O, ancora, i film Un Natale coi Fiocchi su La7 (199.000), I fantastici 4 e Silver Surfer su Italia 1 (2.138.000) e Don Camillo Monsignore…ma non troppo su Rete 4 (1.364.000).

Senza contare la puntata di Porta a porta, in seconda serata, dedicata a 60 anni di fiction con ospiti del calibro di Paola Pitagora, Paolo Ferrari, Veronica Pivetti, Michele Placido, Enzo De Caro, Francesca Cavallin e Sergio Assisi. Quando si dice l’imbarazzo della scelta.

Fiction – “Gli anni spezzati – Il commissario” trionfatore della prima serata. E la Albatross pensa già a due nuove fiction di impegno civile.

Il Commissario, primo dei tre film della serie Gli anni spezzati (diretta da Graziano Diana per Albatross e in onda su Raiuno), vince le prime serate di martedì e mercoledì, con 5.141.000 spettatori per la prima parte e  4.629.000 per la seconda. 

E mentre si è in attesa dei prossimi due capitoli (Il giudice, in onda lunedì e martedì, e L’ingegnere, previsto per il 27 e 28 gennaio), la Albatross pensa già ad altre due fiction di impegno civile, come spiega all’Adkronos il fondatore della casa di produzione Alessandro Jacchia. 

La prima si intitolerà Gente perbene e sarà, come Gli anni spezzati, composta da sei puntate. Il racconto sarà dedicato al lato oscuro degli anni ’50 e ’60, un’epoca – come affermo lo stesso Jacchia – spesso vista come piena di speranze ma in realtà pervasa di cinismo e ambizione al potere. La sceneggiatura è di Giancarlo De Cataldo e Mimmo Rafele.

La seconda è dedicata a Tangentopoli, ma non sarà girata e mandata in onda nell’immediato per non scontrarsi con 1992, la serie di Sky Italia dedicata allo stesso tema.

Fonte: Davide Maggio.it

Intervista a Pupi Avati sulla “Gazzetta del Sud” di oggi

 

Sulla Gazzetta del Sud di oggi, in apertura di pagina di “Cultura e Spettacoli”, trovate l’intervista che ho realizzato a Pupi Avati in merito al suo film Il bambino cattivo, che sarà trasmesso stasera su Raiuno in occasione della Giornata internazionale per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Prossimamente online il pdf.

Addio ad Andrea Brambilla del duo Zuzzurro e Gaspare. L’attore e comico, 67 anni, ha perso la sua battaglia contro il cancro.

Se ne va un mito della televisione degli anni ’80 e ’90. Andrea Cipriano Brambilla, meglio conosciuto col nome d’arte di Zuzzurro, è scomparso ieri sera a Milano a causa di un tumore ai polmoni contro il quale combatteva dal febbraio scorso. Negli ultimi tempi, l’attore e comico di Varese, 67 anni, aveva dichiarato di voler continuare a lavorare nonostante la malattia, riprendendo uno spettacolo con l’inseparabile Nino Formicola in arte Gaspare, presente al suo capezzale con la moglie e i figli di Brambilla.

Dal 1978, quando esordirono nel programma Non stop, i due attori e comici lombardi (cognati nella vita) hanno fatto ridere gli italiani per tanti anni, ricevendo la consacrazione definitiva a Mediaset con Drive In. Nel programma cult di Antonio Ricci, avevano iniziato ad apparire come ospiti per poi diventarne comici di primo piano. Celebri erano gli sketch con Zuzzurro nei panni di un commissario naif e Gaspare in quelli del suo fedele assistente, così come il tormentone Ce l’ho qui la brioche.

Il successo della coppia fu bissato successivamente durante Emilio, il TG della vacanze e Dido…menica.  Dopo un breve ritorno in Rai con la striscia Miraggi, trasmessa a ridosso del Tg1, avevano partecipato al programma di Canale 5 Sotto a chi tocca. A quasi vent’anni dai fasti di Drive In, tornano a lavorare con Ricci conducendo Paperissima sprint nel 2002 e Striscia la notizia nel 2005. Nel 2007 sono intervistati da Paola Pessot per il suo programma Caffè 80, revival di quel decennio ideato e condotto dalla stessa Pessot su Coming Soon Television.

L’ultima apparizione televisiva di Zuzzurro e Gaspare risale a novembre 2012 in alcuni programmi condotti sul canale Vero Capri.

Negli ultimi anni erano stati attivi soprattutto in teatro. Nel ’97 ebbero anche una parentesi di doppiaggio nel film Disney Hercules, in cui prestarono voce a Pena e Panico con la direzione di Francesco Vairano.

Fonte: Leggo.it, Wikipedia