Luci della ribalta

Lo spettacolo e la comunicazione sviscerati da Marco Bonardelli (ATTENZIONE "Luci della ribalta" non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001)

Archivi delle etichette: teatro

Il nostro Periscope con Francesco Montanari, Giorgio Colangeli, Stefano Raffaele e Andrea Delogu.

E’ online il nostro Periscope di domenica scorsa con Francesco Montanari, Giorgio Colangeli, Stefano Raffaele (autore di Troppo Giusti e Stracult) e Andrea Delogu, realizzato in diretta dal Vittorio Emanuele.

Montanari e Colangeli hanno concluso nel teatro messinese la tournée de Il più bel secolo della mia vita, testo dedicato al problema dei figli non riconosciuti alla nascita, che secondo la legge italiana possono riconoscere il nome dei propri genitori naturali solo dopo aver compiuto cento anni.

Annunci

“Luci della ribalta Graffiti” torna oggi, all’interno di “2 ore con Luxor”, con l’intervista a Gianni Giuliano, la voce di Capitan Harlock e di Braccio di Ferro. Su Deliradio dalle 14 alle 16.

Dopo lo speciale natalizio, Luci della ribalta Graffiti torna oggi, all’interno di 2 ORE CON Luxor, con la mia intervista ad un ospite straordinario: l’attore doppiatore Gianni Giuliano, voce storica di Capitan Harlock (e di Braccio di Ferro) che sarà nostro ospite in occasione dell’uscita del film in 3D dedicato al mitico personaggio.

Per ascoltarci sintonizzatevi su www.deliradio.it dalle 14 alle 16.

Intervista a Savi Manna sulla “Gazzetta del Sud” di oggi

savi manna in turi marionetta

Sulla Gazzetta del Sud di oggi, nella pagina Arte cultura e spettacoli in Sicilia, trovate l’intervista che ho realizzato all’attore catanese Savi Manna, in scena stasera alle ore 21:00 alla Sala Laudamo con Turi Marionetta, penultimo appuntamento della rassegna La prima volta.

Prossimamente on-line il pdf.

Teatro – Intervista a Spiro Scimone, stasera alla Sala Laudamo con “Nunzio” assieme a Francesco Sframeli

Saranno Spiro Scimone e Francesco Sframeli ad inaugurare stasera, alle ore 21, La prima volta, la rassegna teatrale di opere prime promossa alla Sala Laudamo dall’Associazione culturale Querelle. I due attori messinesi riproporranno Nunzio,  il loro debutto teatrale del 1994 che ha ispirato il film Due amici del 2003.

“Nunzio è stato quello che ci ha fatto conoscere il nostro maestro Carlo Cecchi e ci ha aperto tante porte. – ci ha raccontato Scimone – In vent’anni continuiamo a farlo con grande amore e necessità ed è chiaro che è diverso da allora come del resto è anche il teatro. Ci piace farlo perché i personaggi ci fanno scoprire cose nuove e quindi sentiamo vivo il gioco che c’è nell’opera, inteso come gioco di teatro. Continuiamo a farlo quindi con grande gioia.”

Qual è l’attualità di quest’opera dopo vent’anni?

“Quando si parla di sentimenti in Nunzio c’è l’amicizia tra questi due personaggi, diversi tra di loro, ma ci sono anche la solitudine e la morte. Ma soprattutto c’è questo bisogno di creare rapporti umani veri, non virtuali. In questo momento questo desiderio di recuperare tali rapporti è attualissimo, per migliorare il nostro mondo. Si parte quindi da questa necessità.”

Nunzio ha ispirato il vostro film Due amici, grande successo di pubblico e critica. Cosa ci ha perso e cosa ci ha guadagnato il vostro lavoro nel passaggio dal palcoscenico al grande schermo?

“Sicuramente c’è stato anche l’inserimento di altri personaggi che nella pièce venivano evocati, che abbiamo fatto vivere così come l’esterno. Nell’opera teatrale a due tutto si concentrava in un’ora di spettacolo e in un ambiente unico con solo due personaggi. C’è più un concentrato nell’opera teatrale, ma in quella cinematografica non era un dilatare per perdere d’intensità, ma c’era un discorso più d’immagine. Sul palco abbiamo reso l’immagine con le parole, mentre al cinema a volte era l’immagine a sostituire le parole. ”

Il pubblico messinese ha delle caratteristiche particolari secondo te rispetto a quello di altre città?

“Il pubblico in genere è intelligente. A volte però non sempre al pubblico viene offerta un’opera di qualità con la q maiuscola. Io credo che alla fine riesca a riconoscere la qualità o meno. Bisognerebbe anche fare un lavoro di educazione e far capire che la qualità spesso non c’è nei successi che vengono fuori dai programmi televisivi. Il teatro va vissuto in quel luogo magico che è il palcoscenico e scoprire, oltre ai classici, la drammaturgia contemporanea, quella che caratterizza me e Francesco come compagnia e in Italia non è sempre sostenuta come dovrebbe essere quando invece è molto importante. Poi ti accorgi che all’estero ci conoscono e in vent’anni di attività non abbiamo mai potuto rappresentare i nostri spettacoli, rappresentati nelle capitali europee e oltreoceano, in certe città italiane.”

La crisi del teatro è un problema che non riguarda solo Messina ma tutta l’Italia. Cosa proponete voi addetti ai lavori per uscire da questa situazione?

“Da questa situazione dovrebbe iniziare un discorso serio di educazione teatrale partendo anche dalle scuole, non solo dalle università ma anche prima. Bisogna far conoscere chi fa veramente teatro e lo fa per necessità e non per mettersi in mostra. E’ un lavoro che bisognerebbe fare da subito e lo Stato dovrebbe sostenere ciò. E’ necessario far capire ai giovani che il teatro è un atto d’amore quando è fatto veramente. Bisogna partire da adesso per avere dei risultati tra dieci-quindici anni.”

Intervista a Gaetano Aronica sulla “Gazzetta del Sud” di oggi

Anche oggi sono sulla Gazzetta del Sud, nella cronaca regionale, con l’intervista a Gaetano Aronica, l’attore agrigentino visto in Un caso di coscienza 5 che stasera sarà premiato all’Efebo d’Oro per l’interpretazione del Commissario Marcellini in Edda Ciano e il comunista. Prossimamente online il pdf.